BLOG fuori sede

Il papà fuori sede Parte I

Il papà fuori sede Parte I

Gioie e dolori della paternità fuori sede

Il papà fuori sede è una creatura mitologica!
Generato da ignote divinità dell’antica civiltà si aggira nei meandri più bui della casa.

Il papà fuori sede è sempre alla ricerca di qualcosa che ha perso un attimo prima.
Che sia un portafogli, un cellulare o le chiavi, la ricerca è ardita ma alla fine riesce nel suo intento.
Del resto anche quando tu gli dici che quel qualcosa è proprio lì in quel cassetto o dietro la mensola lui ti risponde anche scocciato “ti dico che non c’è” e poi ovviamente era proprio lì.

 

 Il papà fuori sede è un giocherellone,
se potesse passerebbe le ore a giocare a calcio con uno e a tormentare l’altra di baci.

Ma il tempo a disposizione è poco allora la mamma fuori sede (premurosa e generosa ah ah) decide che lui deve godersi i bimbi e appena lo vede arrivare:

“Ciao Dad tutto bene oggi? Ok io vado..”
E la mamma non fa in tempo a finire la frase che sente le sue gambe correre a più non posso, sposta qualsiasi cosa le si pari davanti, salta ostacoli incredibili e… tac!

Porta chiusa! Ah musica, bagno caldo, relax…Mamma fuori sede 1, papà fuori sede 0.

 

Il papà fuori sede collabora in casa.

Sa fare tutto e se ci si mette d’impegno è un ottimo collaboratore domestico se non fosse per:
“Devo cambiare La Baby mi prendi il pannolino?… Vesto io Batlore mi prendi i vestiti?”

A parte che Batlore è in grado di vestirsi benissimo da solo sicuramente delle forze sovrannaturali gli impediscono di muoversi e non gli permettono di completare da solo tutta l’operazione.

Mah!

 

Il papà fuori sede è sempre ottimista:

Sai gioia starò via tutta la settimana prossima, ma tranquilla fra due mesi è Natale …”
E tu lì lo guardi perplessa come a pensare “Cazzo la settimana prossima come mi organizzo?”

Eh no! Invece tu sei lì che stai pensando

“Uh! Cazzo è quasi Natale devo pensare ai regali…”

 

Il papà fuori sede è sempre dinamico a volte sembra davvero instancabile.

Tranne quando deve mettere i bimbi in macchina!
Sembra un campione di salto in lungo non si capisce come non si capisce quando, in un secondo è già seduto al posto di guida con la cintura allacciata la radio accesa e sembra pure scocciato dall’attesa!

Intanto La Baby piagnucola tirandoti i capelli e Batlore si sta arrampicando sul cancello urlando al solito “supereroiii”. Uhmm!

To be continued…

Il papà fuori sede è un papà speciale,
come tutti i papà!

 

One comment

Rispondi